Il diritto di morire umanamente

Dopo aver appreso la sua malattia incurabile, il giovane americano ha deciso di morire con l’aiuto dell’eutanasia e ha fissato una data per la sua morte https://thewellofwines.com/corteggiamento-di-una-ragazza-un-impulso-sincero-o/ – 1 novembre 2014. Abbiamo il diritto di decidere quando morire?

Quando la 29enne Brittany Meinard, che aveva appena suonato il matrimonio, scoprì che aveva un tumore al cervello maligno e aveva un massimo di sei mesi, lei e suo marito pensarono alla situazione e decisero di trasferirsi da San Francisco all’Oregon. Questo è uno dei cinque stati degli Stati Uniti, in cui ai pazienti viene data l’opportunità di morire per il proprio libero arbitrio. Il medico curante le prescriveva una pillola che sarebbe morta pacificamente e senza dolore – in un sogno. Meinard vorrebbe morire il 1 ° novembre di quest’anno nel suo letto, il più vicino sarà nelle vicinanze: suo marito, madre, patrigno e migliore amica.

“Ogni cellula del mio corpo vuole vivere, non ho mai nemmeno pensato al suicidio”, ha detto Meinard in un’intervista con la rivista People. – Vorrei davvero che la mia malattia fosse curata, ma questo è impossibile, dopo l’operazione il tumore ha iniziato a crescere ancora più velocemente. Mi sono consultato con molti esperti e mi hanno detto tutti che morire di gliblastoma di 4 ° grado molto doloroso. È più facile per me con il pensiero che ho una scelta – proteggere me stesso e le persone care dal dolore. Adesso è molto difficile per mio marito e mia madre, ma mi supportano perché sono andati ai reparti dell’ospedale e sanno cosa mi aspetta il futuro “.

Brittani ha aperto il sito Web TheBrittanyfund.Org, dove raccoglie firme per l’opportunità di morire senza tormento è diventato disponibile per tutti. Secondo i dottori, molti di quelli a cui scrivono la “pillola della morte”, alla fine, non ricorrono ad essa – il fatto stesso che possa essere accettato in qualsiasi momento, calma e dà la forza di combattere.

La maggior parte di noi non ha visto la morte chiusa e non ha superato una grave sofferenza fisica – quindi non sappiamo cosa diciamo quando diciamo che “la sofferenza deve essere tollerata, questo è normale”, il famoso chirurgo americano, professore di Medicina di Harvard Atul Havande. Gawande). Sulla base dell’esperienza del suo medico, ha scritto il libro “Cosa significa essere mortali”*, in cui tutti difendono il diritto di tutti a una morte decente.

“È sufficiente passare un po ‘di tempo con malati in modo poco appariscente dalla vecchiaia per capire: la medicina, anche la migliore, è impotente per aiutarli, prolunga solo la sofferenza”, afferma Havande. – Le ultime settimane e mesi preziosi della nostra vita sono dati al potere di droghe e procedure che trasformano il nostro cervello e esauriscono il corpo per la speranza spettrale di emendamento. Trascorriamo il resto dei giorni negli ospedali e nelle case di cura, tra gli estranei, tagliati da tutto ciò che ci è caro nella vita. Potremmo trascorrere questo tempo senza soffrire, goderci la comunicazione con i propri cari e morire pacificamente nel nostro letto “.

Perché in ogni caso prolungare la vita dolorosa quando sei bloccato in un corpo, come in prigione, e non puoi muoverti, parlare, respirare senza l’aiuto di medicinali e apparecchi? In Italia, 45 famiglie su 50 scelgono di dare al bambino l’amyotrofia muscolare spinale per andare alla sua ora e non collegare l’apparato della ventilazione artificiale (IVL).

Lydia Moniava, responsabile del programma per bambini nel Fondo Hospice “Vera”, scrive sulla sua pagina sui social network che i medici europei e americani che vengono ad aiutare con l’ospizio chiedono sempre: “Ti piacerebbe una vita del genere per te stesso? NO? Allora perché in Russia prolungano artificialmente la vita a questi bambini, messi in terapia intensiva, collegati all’apparato ILV? Guarda come soffrono e come soffrono le loro famiglie, che dovrebbero essere abbandonati al 100% la propria vita e impegnarsi solo nelle cure mediche.

La sua risposta esprime la posizione di molti nel nostro paese: “La qualità della vita dei bambini gravemente malati è molto più alta della mia, se pensi alla profondità, al significato e a ciò che danno alle persone”, afferma Lidia Moniava. -A ancora, il significato della vita non è solo quanto puoi ottenere da Life-Yes, i bambini in uno stato vegetativo possono ottenere molto poco per se stessi, ma quanto puoi dare. La qualità della vita non è misurata da alcuni concetti pragmatici che cammini o no, puoi mangiare o no. La qualità della vita è quando il significato si trova in tutto ciò che sta accadendo. Alcuni dei nostri reparti non vogliono una vita del genere per se stessi e i loro figli, e penso che l’ospizio dovrebbe sostenerli. Alcune famiglie vedono significato e vogliono che il bambino stia con loro il più a lungo possibile. Il loro ospedale dovrebbe anche sostenere, perché “ogni persona è una storia sacra”.

Interested in trying out ATTEST?

Try out the ATTEST platform for free and take your business to the next level!